USA: FBI SEQUESTRA 3,6 MLD $ IN BITCOIN RUBATI


Gli Stati Uniti annunciano il sequestro di 3,6 miliardi di dollari in Bitcoin rubati nel 2016 durante l'attacco hacker a Bitfinex.
0
Categories : #italexit , Tributarista

Gli Stati Uniti annunciano il sequestro di 3,6 miliardi di dollari in Bitcoin rubati nel 2016 durante l’attacco hacker a Bitfinex.

Si tratta del maggiore sequestro di asset cripto del Dipartimento di Giustizia americano.

Le autorità americane oltre al sequestro hanno arrestato una coppia, che voleva riciclare nel dark web quasi 120.000 Bitcoin rubati durante l’attacco hacker alla piattaforma.

Nonostante i Bitcoin rubati si sapeva essere stati trasferiti nel portafoglio elettronico della moglie. Per tutto questo tempo non si riusciva a collocare i coniugi nei luoghi ove si tentavano le transazioni della rivendita meglio indicata come tentativi di riciclaggio, perciò di competenza dell’FBI.

Per il Dipartimento di Giustizia che ha diffuso la notizia si tratta di un sequestro record ed aggiunge “Le cripto valute non sono un rifugio per i criminali“, spiegando che “il tentativo di riciclare i Bitcoin non ha funzionato nonostante la coppia avesse creato nel dark web un labirinto di transazioni di cripto valute“. Poi senza spiegare meglio, il comunicato stampa conclude con “Grazie al meticoloso lavoro delle forze dell’ordine sono stati smascherati”.

Noi Italiani quindi ci chiediamo e ci volevano circa sei anni per arrestarli e recuperare parte del bottino.

Come al solito i democratici per eccellenza d’oltre oceano, dimenticano di ricordare che Bitfinex ha offerto una ricompensa di cento milioni di dollari a chi avesse offerto informazioni per recuperare i suoi Bitcoin.

È chiaro quindi che la ricompensa abbia avuto un ruolo sia nell’arresto che nel sequestro, infatti nonostante le transazioni sono state tracciate, ci è voluta la taglia in dollari per rompere gli indugi e lasciare che l’FBI potesse intervenire al posto giusto nel momento di uno dei tentativi di transazione (riciclaggio).

A nostro avviso la vicenda conferma con assoluta certezza che:

  1. la cripto valuta si può tracciare;
  2. la cripto valuta è di difficile realizzo;
  3. la moneta tradizionale è ancora capace di vincere ogni diffidenza.

Copyright – 2022 © taxBlogger by espressosud.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: